Fiio X1 2nd Generation

Il giusto lettore portatile per l'audio in alta definizione

Matteo Esposito

Recensione

Il Fiio X1 2nd Generation come suggerisce il nome è la seconda versione del loro player forse più conosciuto ovvero il modello X1. Questo lettore di file audio ad alta definizione conferma gli ottimi standard ottenuti nella loro prima versione e introduce alcune nuove funzioni che andiamo insieme a scoprire.

ffio x1 2nd generation confezione

Il Fiio X1 può essere acquistato in tre varianti colore ovvero: nero, silver e rose gold, un colore molto in voga ultimamente che strizza l’occhio non solo al pubblico femminile ma anche chi ama i colori più vivaci. Il modello della nostra recensione è nella colorazione nera, una tonalità in cui grazie alla finitura metallica ha un aspetto sobrio ed elegante.

All’interno della confezione, semplice ma ben realizzata, troviamo: il lettore Fiio X1, un cavo USB-micro USB per la ricarica del nostro dispositivo, tre pellicole protettive, una per lo schermo (una di base è già applicata di standard), due per la “cassa” lasciando liberi i cinque tasti presenti sulla parte frontale per controllare il dispositivo, una custodia leggermente opaca semplicissima da applicare ma molto utile per proteggere il nostro lettore in caso di piccoli urti, una piccola brochure esplicativa delle funzioni principali ed infine la warranty card.

Il box è quindi completo di tutto e persino con alcuni elementi di ricambio, come appunto le tre pellicole presenti; l’attenzione a certi dettagli è importante e fornisce una certa soddisfazione nell’uso del prodotto. L’altro elemento che contribuisce alla piacevolezza d’uso è la qualità, ed il piccolo Fiio X1 è un oggetto che trasmette subito una buona sensazione che conferma ancora di più con l’utilizzo.

ffio x1 2nd generation frontale con comandi

Le sue dimensioni sono molto compatte: 55,5 x 97 x 12 mm e dal peso di 102 g, la sua struttura di alluminio è molto robusta, le finiture ben delineate e precise, il tutto enfatizzato dalla piacevole sensazione di ergonomia che si prova tenendolo in mano.

Caratteristiche e funzionalità

Il Fiio X1 2nd Generation è un lettore di file audio che pur potendo leggere comuni file mp3 nasce in realtà per i file ad alta definizione fino a 192 kHz/32 bit. Oltre all’ottima qualità audio, una sua caratteristica peculiare è la facilità di utilizzo e di configurazione supportata da una interfaccia elementare ma non scontata, con molte opzioni e scelte possibili. Rispetto al modello precedente, oltre ai cinque pulsanti sulla parte frontale ha anche un anello touch che funge da scroll nel momento in cui vi si fa scivolare un dito con movimenti circolari. Il comando è molto simile a quello dei primi iPod ed è molto funzionale.

Come ogni lettore ad alta definizione che si rispetti il Fiio X1 legge i formati lossless, ben cinque e sono: APE-FLAC-WAV-WMA-ALAC fino a 192 kHz/32 bit; in aggiunta a questi riproduce anche i seguenti file: AAC, OGG, MP3, MP2. Per la loro memorizzazione non ha nessuna memoria interna, tutti i file devono essere memorizzati su una scheda microSD da acquistare separatamente. Non vi sono richieste specifiche per la classe della SD in quanto i file audio, anche con elevata qualità, non richiedono un bit-rate elevatissimo. L’ideale è puntare quindi sulla capacità di archiviazione più che sulla velocità, in modo da poter tenere con sé ore ed ore di musica. La mancanza di memoria interna e di una scheda all’interno della confezione è leggermente frustrante, non tanto per la spesa in più da sostenere che non è rilevante, quanto per l’impossibilità di utilizzare immediatamente il lettore all’acquisto.

ffio x1 2nd generation vista laterale sinistra

La sua batteria interna è di 1800 mAh ed è presente un led che può indicare tre stati di carica: blu, rosso o verde ad indicare rispettivamente quando è in funzione, in carica o a massima carica. La batteria garantisce circa 8 ore di funzionamento se il Bluetooth non è attivo, in caso contrario ovviamente la durata si riduce sensibilmente.

Il cuore del Fiio X1 è il chipset CM5242 prodotto da Texas Instruments. Frontalmente ha uno schermo da 2“ dalla risoluzione di 320 x 240 pixel tramite il quale è possibile selezionare il brano da riprodurre sfogliando tra i file o cartelle caricati in memoria e regolare le diverse impostazioni. Non è un display particolarmente evoluto, non nasce per attirare l’attenzione su di sé ma solo per essere funzionale al suo scopo e lasciarvi godere la musica che state ascoltando senza ulteriori distrazioni.

In termini di connettività il Fiio X1 2nd Generation dispone di Bluetooth 4.0 basato sul chipset F1C81, che è in grado di ridurre la latenza e le interferenze durante l’ascolto dei brani musicali.

ffio x1 2nd generation parte inferiore

Interessante anche l’opzione in-vehicle di cui dispone. Questa permette di usare il Fiio X1 all’interno della propria vettura tramite cavo AUX senza rischiare di comprometterne la batteria: una volta accesa la macchina anche il lettore si accenderà e viceversa si spegnerà automaticamente allo spegnimento della autovettura. Piccoli dettagli e impostazioni che fanno apprezzare questa seconda generazione ancora di più della precedente.

Utilizzo

A causa dell’assenza di spazio di archiviazione dedicato il Fiio per funzionare ha innanzitutto bisogno dell’inserimento di una scheda MicroSD. Caricare i brani all’interno è molto semplice: basta collegare il lettore al nostro PC tramite il cavo fornito in bundle ed una volta riconosciuto il lettore iniziare la copia dei file all’interno. Potete scegliere se caricare i file in cartelle, che poi vengono automaticamente riconosciute dal lettore. Durante i nostri test ci è capitato di riscontrare inizialmente qualche problema nella lettura del Fiio collegandolo al PC tramite un Hub USB, con qualche tentativo però siamo riusciti a risolvere il tutto, è bastato insistere.

Acusticamente è un lettore che stupisce, soprattutto chi non è abituato alla riproduzione di brani lossless. Accoppiato con buon paio di cuffie è in grado di regalare un suono piuttosto limpido e cristallino in cui è facile perdersi seguendo i diversi strumenti e le voci dei cantanti. Se la cava bene anche come lettore di MP3 ma è davvero un peccato non avere dei file ad alta risoluzione da ascoltare con l’X1, se siete degli audiofili e non intendete spendere un capitale per un lettore portatile, il Fiio X1 è sicuramente un’opzione molto interessante da prendere in considerazione.

ffio x1 2nd generation faccia posteriore

L’utilizzo è molto semplice, tramite l’anello touch o i tasti fisici è possibile navigare all’interno dei diversi menu presenti. Nella schermata principale troviamo il pulsante “now playing” da cui si può raggiungere il brano attualmente in riproduzione, scorrendo le icone verso destra la successiva voce del menu è quella relativa alle categorie, in cui possiamo trovare tutta una serie di suddivisioni dei nostri brani per album, artista, genere, favoriti e così via. Scorrendo ancora tramite “browse files” possiamo navigare tra tutti i nostri brani e scegliere quello che vogliamo riprodurre.

Le impostazioni sono invece divise in due parti, la prima è quella relativa ai settaggi di riproduzione dove si trovano numerose opzioni di riproduzione partendo dall’impostazione del volume massimo ed arrivando all’equalizzatore a cinque bande di frequenza tramite cui impostare l’equalizzazione che preferiamo. In alternativa si può utilizzare una delle 8 impostazioni prefissate per l’equalizzazione: passando dal rock, metal, dance etc. Se non si desidera modificare l’equalizzazione questa può anche essere disattivata

Tornando nella schermata principale come ultima opzione troviamo i settaggi di sistema da cui è possibile regolare fra i tanti l’accensione o meno del Bluetooth e l’update della libreria. L’aggiornamento della libreria che Fiio crea a partire dai titoli, gli autori ed i generi dei brani caricati può essere effettuata in modo manuale o automatico, proprio tramite l’apposita opzione all’interno di questo menu. Sempre tramite i settaggi di sistema possiamo anche impostare un key-lock, immettere un time-out per lo spegnimento dello schermo, la funzione “sleep”, il livello di illuminazione, selezionare l’output del suono, scegliere fra 5 temi di colore, il settaggio della lingua (non è presente l’italiano) e per finire “about X1” dove viene visualizzato un riepilogo dello stato della memoria MicroSD, con info di spazio utilizzato, brani immessi ed un manuale di istruzioni interattivo.

Verdetto

Il verdetto per il Fiio X1 2nd Generation è positivo. I miglioramenti rispetto alla versione precedente si vedono anche se piccoli, sia nella forma che in piccoli ritocchi e migliorie a livello tecnologico senza dimenticare l’aggiunta del Bluetooth 4.0 che fa si di aggiungere nuove funzionalità al Fiio X1.

E’ un dispositivo molto semplice da usare e la qualità è molto buona, il software è semplice ma affidabile, pochi fronzoli e tanta resa, la qualità acustica è notevole per un lettore portatile e per il prezzo a cui viene proposto ad oggi di circa 119 euro è un buon affare.

PRO:

  • Qualità audio
  • Compattezza
  • Disponibile connessione Bluetooth
  • Semplice e funzionale

CONTRO:

  • A volte qualche piccola incertezza nel collegamento con il PC
  • UI non proprio all’ultimo grido

Alternative

Come alternative al Fiio X1 ci sono differenti modelli di svariati brand, prendiamo in considerazione due modelli dello stesso produttore ovvero l’X5 3rd Generation e l’X3 2nd Generation.

L’X5 3rd Generation é disponibile nei colori titanium e black, ha uno schermo touch 4”, connessione Bluetooth ed anche Wi-Fi, un processore quad core (brand Qualcomm), 32 GB ROM e memoria espandibile con MicroSD fino a 512 GB grazie al doppio slot presente ognuna di 256 GB ed infine la batteria da ben 3400mAh per una riproduzione continua intorno alle dieci ore.

Il secondo modello l’X3 2nd Generation si avvicina maggiormente al modello recensito da noi, disponibile in tre colori ovvero gold, black e titanium, batteria da 2600mAh, memoria espandibile sino a 128GB, dieci bande di equalizzazione, schermo da 2” con risoluzione pari a 320x240 pixel, riproduce gli stessi formati dell’X1 aggiungendo i file DSD64/128.

Le alternative proposte sono tutte valide, il modello X5 ha qualcosa in più rispetto agli altri modelli, dal design alle specifiche tecniche, se cercate qualcosa di più preciso e di maggio qualità optate per questo, l’X3 è una via di mezzo, ha alcune migliorie rispetto al X1 ma non permette quel grosso salto qualitativo evidente ad esempio fra il modello base di Fiio M3 e l’X1 2nd gen.

Il prezzo dell’X3 ad oggi è di circa 200 euro, quasi il doppio rispetto all’X1, e vi ricordiamo che se preferite qualcosa con decisamente una performance superiore è meglio optare per l’X5 3rd Generation. Se volete esagerare o semplicemente non avete limiti di budget potete puntare sul top di gamma ovvero l’X7 (700 euro circa).

Come sempre fateci sapere quale player preferite e di che brand, e se avete mai provato il Fiio cosa ne pensate.

Specifiche

Riportiamo di seguito le specifiche più importanti del Fiio X1, per un elenco più completo e maggiori informazioni potete consultare il sito del produttore

  • Colorazioni disponibili: Nero, argento e oro rosa
  • Materiale: Alluminio
  • Dimensioni memoria: no memoria interna, supporta micro SD fino a 256 GB
  • Trasferimento file: tramite USB 2.0
  • Batteria: 1800 mAh ricaricabile via micro-USB
  • Formati audio supportati: APE, FLAC, ALAC (fino a 192 kHz/24 bit) / WAV (fino a 192 kHz/32 bit) / WMA / AAC / OGG / MP3 / MP2
  • Connettività: Bluetooth 4.0
  • Uscita audio: jack 3,5 mm
  • Dimensioni: 55,5 x 97 x 12 mm
  • Peso: 102 g
I tag più seguiti