LG G5

Il primo vero top di gamma modulare ad un prezzo aggressivo

Andrea Fucci

Recensione

LG G5 è uno Smartphone che racchiude specifiche tecniche da top di gamma in un corpo pulito ed elegante. Le dimensioni (149.4x73.9x7.3 mm) unite al peso di 159g lo rendono leggermente più grande e pesante dei suoi diretti concorrenti (iPhone 7 e Samsung S8), ma grazie ai bordi arrotondati ed un buon grip, il suo utilizzo è comunque confortevole anche con una sola mano. Il materiale usato per la scocca è alluminio verniciato, un Gorilla Glass 4 protegge invece lo schermo. I tasti del volume non si trovano più sul retro (come da tradizione LG, dal G2 al G4) ma sono invece sistemati sul lato sinistro del dispositivo, il tasto di accensione e spegnimento invece resta sul retro ed integra stavolta un lettore di impronte davvero molto preciso, sul lato inferiore infine la classica porta micro USB è stata sostituita da una più recente e prestante USB Type C. Questo dispositivo inoltre consente di smontare la base inferiore per accedere alla batteria (sostituibile) o in alternativa per montare altri moduli venduti separatamente, questa modularità fa sì che si viene a generare un lieve gap tra le parti (dell’ordine dei decimi di millimetro). Nella confezione lo smartphone sarà accompagnato dal suo alimentatore Quick Charge, una spilla per aprire il cassettino che contiene la Sim e la micro SD oltre che da un paio di cuffie di buona qualità con rivestimento in Nylon e microfono integrato che tuttavia hanno un solo tasto (mancano i tasti per la regolazione del volume).

Caratteristiche e funzionalità

Il Display del G5 è un 5.3 pollici IPS con una risoluzione QHD (2560x1440 pixels) che risultano in una densità di 554 PPI, la massima luminosità è invece di 809 cd/, valore incredibilmente alto (i migliori competitors non arrivano a 600) purtroppo però tale valore può essere raggiunto solo attraverso il sensore di luminosità, la massima luminosità manualmente settabile è di circa 400 cd/m², ma ciò che ci interessa davvero è che si vede molto bene alla luce diretta del sole. Il rapporto di contrasto è molto buono, (1823:1) solo gli schermi Amoled di Samsung fanno meglio, molto buona anche la copertura colore sRGB con colori brillanti ma al contempo non eccessivamente saturi.

Il processore è uno Snapdragon 820, quad-core che integra una GPU Adreno 530 questo processore al momento ha ben pochi rivali in termini di performance soprattutto se consideriamo che è abbinato a 4 GB di RAM DDR4. Le performance sulla carta sono superiori del 50% a quelle dello Snapdragon 810 dello scorso anno. Sebbene tutta questa potenza potrebbe sembrare addirittura superflua, considerando che i terminali dello scorso anno vanno ancora molto bene, servirà sicuramente a rendere questo smartphone più longevo e a mantenerne il valore nel tempo.

LG G5 posteriore

La fotocamera posteriore è rimasta esattamente la stessa del G4, una 16 MP stabilizzata con apertura f/1.8 e sensore in 16:9; in più è stata aggiunta una seconda unità grandangolare (135°) da 8 MP. Completano la dotazione l’autofocus laser (molto veloce e preciso, anche al buio), il sensore per la misurazione dello spettro di colore (per avere immagini più fedeli alle originali) e il doppio flash led. Le due fotocamere principali offrono la possibilità di salvare i file in RAW (per poi modificarli al computer) e scattano immagini eccellenti, ricche di dettaglio con una buona gamma dinamica e soprattutto la possibilità di scattare in manuale come su una reflex, quindi controllo della messa a fuoco, tempi di scatto (1/4000 a 30 secondi), bilanciamento del bianco (2300 a 7500K) e controllo ISO (50-3200). La seconda fotocamera sebbene sia di qualità inferiore alla prima si lascia usare con gran soddisfazione di giorno e sembrerà di scattare con una action cam, ma le sue performance calano vistosamente di notte. Inoltre troviamo altre modalità interessanti come: timelapse (davvero ben fatta), slowmotion a 120 fps (di qualità non eccelsa) e Popout che crea 2 foto sovrapposte usando le 2 fotocamere posteriori e può essere interessante in certi contesti, inoltre è interessante la possibilità di apportare piccole modifiche ai video senza scaricare app di terze parti (stile iPhone ma con un numero maggiore di impostazioni). La fotocamera anteriore da 8 MP ha anch’essa una buona qualità e i selfie saranno ricchi di dettagli. I video possono essere registrati in Full-HD e in 4K, purtroppo solo in HD per gli Slow motion e sono ben stabilizzati.

L’audio è di buona qualità ed il volume molto elevato (86 dB su speaker), sia in capsula che tramite speaker, il DAC (Digital Audio Converter) integrato nello Snapdragon 820 è a 24 bit e l’ascolto tramite cuffie soddisferà probabilmente anche gli utenti più esigenti. LG però ha previsto anche un modulo aggiuntivo chiamato Hi-Fi Plus, progettato in associazione a B&O che integra un DAC a 32 bit che abbinato al telefono consente di avere una qualità ed un volume ancora maggiori, autorevoli riviste di settore ne hanno parlato un gran bene (What Hi-Fi).

La batteria da 2800 mAh garantisce un’autonomia nella media con circa 12- 15 ore di utilizzo e fino a 3.5 – 4 ore di schermo acceso. Con un uso intenso non si riesce ad arrivare a fine giornata, con un uso moderato ci si può aspettare anche un giorno e mezzo di utilizzo. Poiché il telefono è dotato di tecnologia Quick Charge 3.0 la ricarica completa avverrà in poco più di un’ora.

La modularità di questo dispositivo ha destato molte critiche, specialmente il modulo Cam Plus che di fatto non aggiunge nulla alla qualità delle foto. Nemmeno le funzionalità della fotocamera migliorano sensibilmente, avremo infatti semplicemente qualche tasto dedicato, un miglior grip e una batteria aggiuntiva che forse è l’aspetto più positivo, il tutto a discapito della linea e della portabilità. Ha più senso il modulo Hi-Fi invece che oltre a migliorare sensibilmente l’esperienza d’ascolto dell’utente, può anche essere usato stand alone, magari collegato al proprio PC migliorando anche in questo caso la qualità audio. Probabilmente il vero motivo alla base della modularità era creare uno smartphone con aspetto premium realizzato in metallo con una batteria estraibile, accontentando così una gran fetta di potenziali acquirenti.

Utilizzo

Fin dalla prima accensione ci si accorge che l’interfaccia è molto pulita sebbene visibilmente personalizzata da LG, il produttore ha optato per uno stile molto sobrio e semplice, il drawer delle applicazioni così come la home sono molto personalizzabili e ci sono pochissime app preinstallate da LG, ma alcune funzionalità aggiuntive come il famoso doppio tocco che permette di attivare e disattivare il display anche se questo è bloccato, oppure capture +, una sorta di evoluzione dello screen capture che consentirà di prendere note oppure disegnare sul display in qualsiasi app vi troviate. Molto comoda anche la personalizzazione dei tasti virtuali, con la possibilità di aggiungerne altri e la modalità Qslide, che vi consentirà di avere una finestra flottante (come su un computer) per app quali: telefono, messaggi, calendario, calcolatrice, posta elettronica o file manager.

LG G5 lato

Un'altra caratteristica fondamentale di un buono smartphone è senza dubbio la ricezione. Da questo punto di vista il G5 si comporta molto bene, il segnale è sempre presente anche in zone molto difficili, e la qualità delle chiamate è molto buona anche grazie al microfono di soppressione dei rumori e all’implementazione software per migliorare la qualità della voce in capsula. Grazie all’ottima ricezione anche la navigazione è fulminea sotto LTE ma anche tramite Wi-Fi grazie al supporto alle reti a 5GHz. Un altro aspetto che renderà felici molti utenti è la ricarica Quick Charge 3.0 Che consente di ricaricare completamente lo smartphone in appena un’ora e 10 con il caricatore fornito di serie e di raggiungere il 50% di carica in una ventina di minuti.

Verdetto

Per il prezzo a cui viene proposto LG G5 ovvero intorno ai 400 euro è probabilmente uno degli smartphone con il miglior rapporto qualità prezzo, possiede infatti un hardware da top di gamma, un’ottima implementazione software, nonché una delle migliori fotocamere sul mercato, forse la migliore per settaggi. La possibilità di sostituire la batteria e aumentare lo spazio di archiviazione mediante micro SD fino a 2TB lo rendono poi ancor più versatile.

Uno dei principali difetti è sicuramente la batteria nella media e la mancanza di un software per il risparmio energetico avanzato come quello offerto da Samsung sui propri dispositivi. Alcuni hanno parlato di un problema di polarizzazione dello schermo ma il terminale oggetto di questa recensione non ne era afflitto.

PRO:

  • Fotocamera posteriore tra le più nitide e luminose sul mercato, la migliore per settaggi
  • Fotocamera secondaria posteriore da 8 MP grandangolare molto divertente da usare
  • Fotocamera anteriore 8MP
  • Schermo luminosissimo, dai colori fedeli e ultra-definito
  • Performance, al momento non è secondo a nessuno
  • Espansione memoria interna fino a 2 TB
  • Sensore di impronte molto preciso
  • Batteria estraibile
  • Ottimo audio (potenzialmente il migliore su smartphone mediante apposito modulo Hi Fi)
  • Ottima ricezione
  • Aggiornamenti LG in genere è la prima ad aggiornare i propri terminali
  • PREZZO a meno di 400 euro diventa davvero un affare!

CONTRO:

  • Manca la ricarica wireless
  • Batteria a malapena sufficiente
  • Sensore di luminosità non molto preciso
  • Fotocamera posteriore da 8 MP un po’ troppo rumorosa di notte (anche in modalità manuale)
  • Video un po’ troppo compressi (a tratti sono visibili artefatti) e slowmotion non all'altezza di altri top di gamma

Alternative

Alcuni possibili concorrenti di questo smartphone sono sicuramente il Samsung S8, HTC 10, Huawei P9 e iPhone 7. Il Samsung ha senza dubbio il vantaggio dell’impermeabilità e una gestione migliore della batteria, ha un ottima fotocamera, migliore di quella del G5 nel punta e scatta, ma inferiore dal punto di vista dei settaggi nei parametri di scatto, è anche più bello e stiloso oltre che più costoso, HTC è quello che garantisce la miglior esperienza d’uso in termini di fluidità che mantiene invariata nel tempo ed è forse il più pregiato in termini di costruzione e materiali sebbene abbia una fotocamera inferiore ed un prezzo estremamente elevato, Huawei è molto equilibrato con una buona fotocamera, una costruzione leggermente migliore di quella del G5 e caratteristiche hardware leggermente inferiori ma è l’unico con un prezzo paragonabile al G5, infine iPhone 7 è in assoluto quello con la miglior costruzione e maneggevolezza a scapito di un display più piccolo, può vantare inoltre un’ottimizzazione software ancora lontana da quella meno efficace dei terminali Android ed un’ottima fotocamera seppur con pochi settaggi, ha una memoria non espandibile ed il tutto è accompagnato ad un ecosistema molto chiuso, ad un prezzo estremamente elevato.

Specifiche

Riportiamo di seguito alcune delle specifiche principali dell’LG G5, per la lista completa e maggiori informazioni potete consultare il sito di LG

  • Rete: 4G LTE Cat 6 Penta-Band / HSDPA 42.2 Mbps / HSUPA 5.7 Mbps / UMTS / GSM Quad-Band
  • Formato SIM: NanoSIM
  • Processore: CPU 64bit Quad-Core 1.8 GHz Qualcomm Snapdragon 820, GPU Adreno 530
  • RAM: 4 GB
  • OS: Android 6.0 Marshmellow
  • Memoria interna: 32 GB (20 GB a disposizione)
  • Memoria espandibile: Sì MicroSD fino a 2 TB
  • Schermo: Touchscreen IPS Quantum 5,3”
  • Risoluzione schermo: 1440 x 2560 px / 16M colori / 554 dpi / 800 cd/m2
  • Fotocamera: 16 Mpx apertura f/1,8 (posteriore) / 8 Mpx apertura f/2.4 (grandangolare 135°) / 8 Mpx aperftura f/2 (frontale)
  • Modalità di scatto: Automatica / manuale (tempo di scatto, ISO, messa a fuoco, bilanciamento del bianco, salvataggio in RAW)
  • Risoluzione video: Ultra HD
  • Ripresa ad alta velocità: 120 fps in Full HD
  • Connettività: USB Type C / Bluetooth / Wi-Fi 802.11a/b/g/n/ac / NFC / A-GPS / DLNA
  • Uscite: video TV slimport 1080p, 60 Hz / audio jack 3,5mm
  • Radio: FM con RDS
  • Sensori: Movimento / Prossimità / Luminosità / Bussola / Contapassi / Accelerometri
  • Batteria: 2800 mAh Li-ion
  • Autonomia: < 100 ore (standby) / < 4 ore (conversazione)
  • Dimensioni: 149,4 x 73,9 x 7,7 mm
  • Peso: 159 g  
I tag più seguiti