Philips LivingColors Micro

Colorate la vostra casa con la luce

Fabio Esposito

Recensione

La Philips LivingColors MICRO è la versione più piccola della serie di lampade per ambienti della casa olandese. E’ realizzata in policarbonato ed è disponibile in due colorazioni esterne: bianca e nera. La prima è un po’ più cara, probabilmente perché più desiderata ed in effetti è quella che abbiamo scelto. Le dimensioni (12x10x11 cm) ed il peso (281 g) sono contenuti e la si può posizionare praticamente ovunque arrivi il cavo di alimentazione, che a dir la verità non è troppo lungo. Ha una forma tondeggiante con una zona piana sulla parte posteriore per poterla poggiare in modo stabile. Sulla parte superiore troviamo l’unico comando, una striscia colorata che risponde al tatto. La luce emessa è simile a quella di una luce spot, una sorta di faretto dai bordi morbidi grazie alla maschera frontale che diffonde la luce. Se la si tiene a distanza sufficiente dalla parete crea un bell’effetto dove il colore diventa sempre più tenue man a mano che ci si allontana dal punto centrale.

Caratteristiche e funzionalità

La lampada all’interno è un LED RGB da 4,7 W (circa 50 lumen) e 64 colori disponibili. Può funzionare con un unico colore fisso a scelta tra quelli disponibili o si può optare per la modifica automatica del colore a rotazione (basta toccare il pulsante di accensione/spegnimento per 5 secondi). In questa versione base non ci sono molte opzioni disponibili, ed il comando avviene esclusivamente toccando la lampada.

Philips Living Colors MICRO esempi di colori

Utilizzo

Per utilizzare la Philips LivingColors MICRO basta collegarla alla presa della corrente con il cavo in dotazione e toccare il tasto di accensione/spegnimento. Toccando la fascia colorata in punti diversi è possibile regolare il colore della lampada, tuttavia è facile modificare accidentalmente il colore impostato spostandola quando è accesa. Per non perdere il colore memorizzato potete tenerla sempre accesa e collegata ad una presa con interruttore, così non rischiate di doverla impostare tutte le volte.

L’obiettivo di questo oggetto è quello di decorare con la luce, non di illuminare. I 50 lumen non sono sufficienti da soli per darvi una buona visibilità, inoltre il fascio di luce non è molto ampio e non è possibile illuminare direttamente una stanza. Rinunciando ad un po’ di intensità si può dirigere la luce verso una parete chiara e far sì che sia questa a diffondere il colore nella stanza. Il secondo motivo per cui si capisce che non è una lampada per illuminare è il fatto che può emettere solo colori saturi, a differenza dei modelli Bloom, Aura ed Iris (che hanno fino a 16 milioni di colore) non è possibile regolare la saturazione, né regolare l’intensità in alcun modo. Avere colori troppo saturi tende a stancare molto la vista ed anche per illuminare leggermente una stanza durante la notte emette fin troppa luce di colore intenso. Per creare un po’ di atmosfera invece è molto carina. Un’altra possibilità interessante è quello di utilizzarla insieme ad altre lampade più intense per realizzare effetti di luce molto particolari, con accenti dati proprio dal colore scelto sulla Philips. Se siete dei fotoamatori, questa piccola lampada vi permetterà di divertirvi non poco a sperimentare.

Verdetto

La Philips LivingColors non ha deluso, è un oggetto semplice ma ben realizzato. Una soluzione abbastanza economica e divertente per decorare un’ambiente che ha bisogno di un tocco di colore. I comandi sono un po’ scomodi e non si ha controllo su intensità e saturazione del colore. Tuttavia la sua luce è un piacevole diversivo ed utile quando si vogliono creare atmosfere un po’ particolari.

PRO:

  • Piccolo ingombro
  • Colori piacevoli
  • Utile per decorare

CONTRO:

  • Intensità e saturazione non regolabili
  • Solo per interni
  • Inadatta come unica sorgente di luce

Alternative

Come detto nella recensione, non è una lampada da illuminazione, con le sorelle maggiori della serie LivingColor come la Iris l’Aura e la Bloom sicuramente si ha non solo maggiore controllo del colore e dell’intensità ma è anche possibile utilizzarle come unica luce d’ambiente. Il contro ovviamente è il prezzo più elevato che si è costretti a pagare per le lampade più grandi. Salendo di wattaggio dalla Mini alla Iris si passa da 70 fino a 210 lumen.

Specifiche

Ecco qui un breve riepilogo delle specifiche tecniche della LivingColors micro, per ogni altra informazione potete dare un’occhiata alla pagina dedicata sul sito di Philips.

  • Materiale: plastica colore bianco
  • Colori impostabili: 64
  • Effetti: variazione continua colore
  • Potenza: 4,7 w
  • Intensità luminosa: 50 lm
  • Tipologia di lampadina: LED
  • Tensione alimentazione: Da 100 V a 240 V / 50-60 Hz
  • Classe di protezione: IP 20
  • Dimensioni: 12 x 10 x 11 cm (L x P x A)
  • Peso: 264 g
I tag più seguiti