Samsung J1 2016

Lo smartphone in formato ridotto

Matteo Esposito

Recensione

Il Galaxy J1 è lo smartphone entry-level di Samsung. Già presente sul mercato, è stato aggiornato, da cui il nome con cui è spesso possibile trovarlo “J1 2016”. Pur essendo realizzato interamente in plastica, con la sua finitura opaca ed un effetto leggermente ruvido è piacevole al tatto e la cornice molto sottile lo rende apprezzabile alla vista. E’ disponibile in tre colorazioni distinte la cui scelta strizza un po’ l’occhio a quella fatta tempo addietro da Apple con gli iPhone: Gold, Black o White. Il modello che abbiamo recensito è nella versione Black.

La sua compattezza e semplicità sono caratteristiche fondamentali di questo piccolo smartphone e sono sicuramente apprezzate da chi ha bisogno di un telefono che non troppo “invadente”. Le sue dimensioni sono infatti di 132,6 x 69,3 x 8,9 mm AxLxP ed il peso è di soli 131 g.Samsung J1 2016 vista frontale schermo acceso

Il tasto di accensione dello smartphone è sulla parte in alto a destra, sempre sulla parte alta troviamo il jack per le cuffie. Sulla parte bassa della faccia anteriore troviamo i tre classici pulsanti stile “Samsung”, che purtroppo non sono retroilluminati, non è un problema enorme, però la sensazione è quella di trovarsi davanti ad un prodotto meno rifinito, peccato. Un aspetto positivo è che almeno il tasto centrale è leggermente in rilievo ed è facile trovarlo anche senza guardare il telefono, molto utile ad esempio quando ci si trova al buio.

Samsung J1 2016 vista laterale

La parte posteriore è facilmente rimovibile soprattutto rispetto ad altri prodotti similari la cui rimozione risulta più macchinosa. Al suo interno cela lo slot per la micro-SD, la batteria e l’alloggiamento per la SIM.

Caratteristiche tecniche

Per il suo Galaxy J1 Samsung ha scelto il processore Exynos 3475, un quad core da 1.3 GHz prodotto da Samsung stessa, con l’indubbio vantaggio di poter ridurre i costi di produzione. Il processore grafico è invece un Mali T720, il piccolo smartphone dispone inoltre di 1 GB di RAM. Con queste caratteristiche tecniche il Galaxy J1 è in grado di far girare con discreta fluidità le applicazioni e giochi meno avanzati, non è certamente fatto né per lavori pesanti (anche se qui ci sarebbe da chiedersi perché li dovrebbe fare…) né per funzionare con giochi particolarmente esigenti a livello di grafica. La memoria interna è di 8GB espandibile tramite scheda microSD fino a 128 GB.

Lo schermo da 4,5” è un compromesso particolare e sarà sicuramente apprezzato da chi proprio non vuole arrendersi alla moda degli smartphone che cercano di strizzare l’occhio ai phablet. Il monitor è forse una delle parti più curate del telefono, non ha una risoluzione elevatissima ma la qualità dei colori e l’angolo di visuale permessi dalla tecnologia Super AMOLED offerta da Samsung si fa vedere, permettendo una frequenza di aggiornamento migliore rispetto ai normali standard e consumi inferiori, caratteristiche quali che assieme al contrasto elevato offrono una buona qualità sia nella visualizzazione di immagini che di video. Due difetti del display sono la definizione che è 480x800 WVGA, un po’ carente che raggiunge la sufficienza solo grazie alle dimensioni ridotte dello schermo e la mancanza del sensore di luce. Questa assenza (va bene per ridurre i costi, ma era necessaria?) costringe ad impostare sempre manualmente la luminosità dello schermo, che comunque ha un ampio range di regolazione, da estremamente debole a molto luminoso.

La fotocamera posteriore ha 5 MP, non molti ma bisogna considerare che questo rimane pur sempre l’entry level di Samsung e con focale f/2,2 ci permette di scattare foto di qualità non eccezionali ma sufficienti per immortalare una scena ben illuminata o prendere nota di un documento, la messa a fuoco è abbastanza lenta ed il software a disposizione non permette di giocare molto con i settaggi della fotocamera. La fotocamera frontale da 2 MP, in questo caso l’effetto pixelato è praticamente inevitabile, qualsiasi foto scattata con una tale risoluzione non vi renderebbe giustizia.

Samsung J1 2016 vista posteriore

La batteria è abbastanza piccola come capacità, arriva a 2050 mAh ma garantisce comunque una buona durata essendo il J1 uno smartphone non particolarmente prestazionale e quindi nemmeno molto energivoro. Con la tecnologia di risparmio energetico avanzato, presente su questo modello, si riesce a raggiungere un’autonomia sufficiente ad un uso quotidiano non eccessivo. All’interno della confezione, nel consueto stile Samsung, è presente il caricatore per le batterie da soli 5V e 0,7 A e senza cavo scollegabile dall’alimentatore. Scelta anche questa forse voluta per limitare i costi ma rimane abbastanza inspiegabile data l’onnipresenza di caricatori di batterie più evoluti in tutta la gamma di telefonia Samsung.

La connettività di questo dispositivo è LTE 4G fino a 150 Mbps grazie alla quale abbiamo riscontrato una buona ricezione a livello di Wi-Fi e reti 3G – 4G ed un’ottima velocità di navigazione, ammesso che abbiate la copertura 4G. Immancabile anche il Bluetooth ver. 4.1, più particolare e probabilmente utile per un telefono aziendale il sensore di tag NFC tramite il quale è possibile controllare alcuni dispositivi o interfacciarsi ad essi semplicemente ponendovi il telefono vicino.

La versione del software installata durante la nostra prova è Android Lollipop 5.1.1. Al momento la versione corrente per gli smartphone di fascia superiore è la 6.0.1; tuttavia non pensiamo che questa verrà implementata in futuro al Samsung J1. Apprezzabile l’applicazione per l’ascolto della radio FM, esistono ancora posti, soprattutto in Italia, dove non esiste una connessione Wi-Fi e può essere comunque un modo in più per passare il tempo. Insieme al telefono nella confezione sono presenti le classiche cuffie Samsung.

Samsung J1 2016 faccia inferiore

Utilizzo

Il Samsung Galaxy J1 ha lo stile inconfondibile di Samsung fin dalla prima accensione, le app sono disposte nella classica sequenza fedele a Samsung facendo sentire i clienti del brand sud coreano subito a “casa”.

L’applicazione Smart Manager permette di gestire e controllare le funzioni base del dispositivo quali ad esempio, lo spazio disponibile in memoria, il livello della batteria e l’utilizzo della RAM in un determinato momento.

Verdetto

Il Samsung Galaxy J1 nella variante nuova denominata 2016 è una spanna avanti rispetto al precedente modello dell’anno passato.

Lo consigliamo a chi cerca un telefono di fascia bassa che abbia tutte le funzionalità di base e un discreto design con una distintiva leggerezza e maneggiabilità. Il discorso vale ancora di più se non volete prescindere dai brand più noti.

Nessuno si aspetta che un telefono entry level abbia le stesse prestazioni di uno al top di gamma, tuttavia questo prodotto poteva essere migliore con pochi piccoli accorgimenti, che probabilmente Samsung non ha apportato per non farsi concorrenza internamente verso altri suoi modelli. Alcuni di questi difetti sono la memoria ROM di 8 GB, un po’ scarsa al giorno d’oggi per un utilizzo più completo dello smartphone e la mancanza di un led di notifica che non permette di accorgerci delle notifiche previa accensione dello schermo o il sensore di illuminazione. Per il resto è un telefono che fa il suo dovere discretamente.

Il Samsung J1 viene venduto ad un prezzo intorno ai 160 euro sul sito ufficiale Samsung, mentre cercando su internet si trova comunque anche a cifre inferiori (intorno ai 120 euro). Il prezzo è se vogliamo il suo punto debole maggiore, quella fascia di prezzo infatti è campo di battaglia tra molti marchi, più o meno affermati, che propongono numerosi modelli dalle prestazioni a volte superiori a quelle di questo modello.

PRO:

  • Buone prestazioni per un telefono entry level
  • Display Super AMOLED
  • LTE 4G e NFC
  • Molto compatto, leggero e maneggevole

CONTRO:

  • Prestazioni minori rispetto ad altri concorrenti a parità di prezzo
  • Nessun sensore di illuminazione

Alternative

Come alternativa proponiamo un concorrente di brand Huawei, il modello Y6. Il prezzo è analogo ed è un modello uscito nel primo trimestre 2015, quindi un anno prima rispetto al Samsung Galaxy J1. L’Y6 ha una dimensione e peso leggermente maggiore al “rivale”. La risoluzione dello schermo da 5 pollici è nettamente migliore (720x1280), come anche la fotocamera posteriore, che arriva a 8 MP e la RAM, che nel caso del Huawei è il doppio rispetto al J1. Il processore è leggermente inferiore al Samsung 1.3 GHz contro 1.1 GHz. Se non siete particolarmente fidelizzati con Samsung e volete un modello dalle prestazioni leggermente superiori, probabilmente il Huawei è più adatto a voi.

Specifiche

Vediamo rapidamente un breve elenco di specifiche tecniche del Samsung J1 2016, l’elenco non vuole essere esaustivo e vi invitiamo a consultare il sito di Samsung per maggiori informazioni.

  • Rete: 4G LTE / 3G / GSM
  • Formato SIM: microSIM
  • Processore: CPU Exynos 3475 Quad-Core 1.3 GHz
  • OS: Android 5.1.1
  • RAM: 1GB
  • Memoria interna: 8 GB
  • Memoria espandibile: Sì fino a 128 GB
  • Schermo: Touchscreen SuperAMOLED 4,5”
  • Risoluzione schermo: 480 x 800 px
  • Fotocamera: 5 Mpx (posteriore) f/2.2 / 2 Mpx (frontale)
  • Risoluzione video: 1280 x 720 a 30 fps
  • Connettività: USB (2.0) / Bluetooth / Wi-Fi 802.11b/g/n / NFC / GPS / DLNA
  • Uscite: video TV slimport 1080p, 60 Hz / audio jack 3,5mm
  • Radio: FM
  • Sensori: Prossimità / Accelerometri
  • Batteria: 2050 mAh Li-ion
  • Autonomia: < 100 ore (standby) / < 12 ore (conversazione)
  • Dimensioni: 132,6 x 69,3 x 8,9 mm
  • Peso: 131 g
I tag più seguiti