Wimius T4

Un proiettore economico ma dalle buone potenzialità

Fabio Esposito

Recensione

Per molti anni i videoproiettori sono stati un oggetto “di lusso”, che a causa dell’elevato spazio necessario ed un costo importante, non hanno trovato una grande diffusione, soprattutto in ambito domestico.

Con l’avvento di nuove tecnologie che hanno permesso la miniaturizzazione di alcuni componenti e l’uso di lampade molto potenti anche i proiettori stanno vivendo una seconda giovinezza e molti produttori, sia storici che nuovi, stanno presentando soluzioni interessanti.

A far da padrone quantomeno in termini di vendite sono i modelli economici, pensati per chi cerca un prodotto che possa andare bene sia per l’intrattenimento che per qualche attività lavorativa, ad esempio una presentazione in ufficio.

wimius t4 confezione

Wimius è uno dei produttori di proiettori di piccole dimensioni per piccoli budget ed il modello che recensiamo oggi è il T4, uno dei più interessanti di tutto il catalogo. Piccolo prezzo sì, ma non tanto piccole prestazioni, almeno in confronto a cosa offrono molti competitor.

Esteticamente ha un look molto classico, realizzato in plastica lucida e disponibile in 3 differenti varianti di colore (argento, bianco e nero), è di dimensioni medie, 30,2 x 22,1 x 10,4 cm, non pochissimo se lo si deve trasportare. Invece, fintanto che lo si usa in una posizione fissa le dimensioni sono più che accettabili per riuscire a posizionarlo dove più ci aggrada. Anche il peso non è molto elevato, circa 2,2 kg e quindi anche sistemarlo su un supporto a soffitto non richiede particolari accorgimenti.

wimius t4 contenuto della confezione

Sulla parte posteriore si trovano molti ingressi ed uscite, sulla parte superiori invece sono disponibili i principali tasti di comando, da utilizzare ovviamente quando si ha il proiettore a portata di mano in fase di regolazione.

Sul fondo sono presenti i classici piedini di supporto ed il piccolo “cavalletto” per sollevare la parte frontale e quindi inclinare i proiettore di qualche grado.

Buona la dotazione di serie, all’interno della confezione infatti troviamo oltre al proiettore: il cavo di alimentazione, un cavo HDMI, un VGA, un cavo AV ed il telecomando.

Caratteristiche e funzionalità

Passiamo quindi alle caratteristiche principali che rendono interessante questo proiettore della Wimius. Innanzitutto la risoluzione, 1280 x 800, che per quanto si possa ormai essere abituati al Full HD o addirittura QHD e 4K, nei proiettori è tutt’altro che scontata, soprattutto nella fascia di prezzo sotto i 200 euro. Nel caso in cui il segnale sia di risoluzione superiore (ma non oltre il Full HD) questo viene riconvertito automaticamente nella risoluzione nativa del proiettore. Il formato dell’immagine è selezionabile, 4:3 o 16:9; il contrasto è buono, 2000:1.

wimius t4 controlli

La lampada a LED permette una luminosità di tutto rispetto, 3200 ANSI Lumen non sono pochi per un proiettore “economico” e permettono di godere della proiezione anche in ambienti non totalmente bui, gradito per l’intrattenimento, fondamentale per l’uso in uffici o comunque per presentazioni lavorative.

La lampada ha una durata stimata di circa 20.000 ore, più che sufficienti per non avere preoccupazione di doverla sostituire durante un normale utilizzo del proiettore (usandolo anche 3 ore al giorno sono più di 18 anni di funzionamento). Il consumo di corrente è uno degli altri aspetti da considerare in un proiettore ed anche in questo caso la luce LED aiuta a mantenere la potenza assorbita entro valori ragionevoli, 125 W.

Altri aspetti fondamentali nella scelta del proiettore sono la dimensione dello schermo, in questo caso variabile dai 60” ai 150” e la distanza di proiezione, dai 2,5 ai 4 m, anche se i risultati migliori in termini qualitativi si hanno fino ai 120” e 3 m di distanza. Il “keystone” ovvero la possibilità di orientare il proiettore leggermente angolato e correggere la deformazione internamente per proiettare comunque un’immagine rettangolare è di 15°.

wimius t4 ingressi ed uscite

Oltre al comparto video sono presenti anche due piccoli altoparlanti da 2W, ottima soluzione “di emergenza” in certi casi. Ovviamente per l’intrattenimento sono del tutto insufficienti ma non crediamo che nessuno effettivamente pensi di rendere giustizia ad un film con l’audio del proiettore. La rumorosità del Wimius è nella media, con circa 36 dB ad un metro e 33 dB a due metri di distanza, sufficiente per non disturbare durante la riproduzione.

Molto buona infine la fornitura di ingressi video ed audio, con due ingressi HDMI, un ingresso VGA un component ed un video AV per il video ed un ingresso ed un’uscita per l’audio, entrambi con canale destro e sinistro.

Utilizzo

Utilizzando il Wimius T4 non si può non apprezzare immediatamente la buona luminosità. Questo è l’aspetto che forse più di ogni altro ci ha colpiti in senso positivo. Anche in una stanza con le luci accese si riesce ad avere una luminosità ed un dettaglio delle immagini più che dignitoso, soprattutto quando non si espande al massimo la dimensione dello schermo.

wimius t4 vista posteriore con piedini

La risoluzione è buona, ed anche rinunciando al Full HD, l’esperienza di vedere un film o giocare con una console su uno schermo di oltre 120 pollici fa il suo effetto. Per di più, in certi casi, la soluzione proiettore può essere l’ideale per ambienti in cui inserire una TV fissa è decisamente scomodo. Il vantaggio del proiettore infatti è che lo schermo di proiezione può tranquillamente essere avvolto a soffitto e quindi ridurre notevolmente l’ingombro quando non è utilizzato.

L’uso di uno schermo è fondamentale peraltro, non solo per avere immagini migliori, ma anche perché è raro avere una parete completamente sgombra della giusta dimensione su cui proiettare. Importante anche prendersi il tempo necessario per pianificare il posizionamento corretto, per più motivi. Ad esempio i cavi in dotazione sono comodissimi se lo si usa in mobilità, magari in ufficio, ma la loro ridotta lunghezza rende molto difficile il posizionamento all’interno di un’abitazione dove non sempre le prese sono dove si vorrebbe che fossero. L’ideale quindi è rimpiazzarli con cavi di lunghezza molto superiore.

I comandi sono abbastanza intuitivi anche se serve un po’ di pratica con i menu per trovare immediatamente l’impostazione che serve. Non essendo presente un sistema di autofocus inoltre è necessario regolarlo manualmente in base alla distanza di proiezione.

wimius t4 con la lente coperta dal tappo

Verdetto

Il Wimius T4 è probabilmente uno dei migliori proiettori all’interno della sua fascia di prezzo. La grande luminosità, la risoluzione 1280 x 800 ed una serie generosa di ingressi video permette di goderselo in molte situazioni. Pecca un po’ in alcuni elementi accessori, come la lunghezza dei cavi che può causare qualche grattacapo di troppo ma nel complesso non è davvero lecito lamentarsi considerando che è spesso possibile acquistarlo intorno ai 160 euro, una spesa più che ragionevole.

PRO:

  • Buona risoluzione
  • Luminosità e contrasto elevati per la sua fascia di prezzo
  • Versatilità grazie ai molti ingressi video
  • Bassa potenza assorbita

CONTRO:

  • Cavi in dotazione non molto lunghi
  • Focus manuale

Alternative

Per considerare delle alternative valide al Wimius T4 bisogna passare a prodotti di categoria superiore. Scendere di prezzo a nostro parere non ha senso, l’unica cosa che si otterrebbe è una quasi sicura delusione per aver scelto un prodotto dalla luminosità non sufficiente o una risoluzione troppo bassa. In entrambi i casi ci si renderebbe rapidamente conto di aver buttato via dei soldi. La fascia di prezzo del Wimius T4 è quella minima per cui valga la pena pensare di investire su un proiettore e anche se esistono alcuni produttori che realizzano prodotti simili, non crediamo che le differenze siano tali da far valutare un acquisto differente.

Quello che può avere senso invece è salire di qualità, puntando ad un prodotto ancora alla portata delle tasche di molti ma con cui si può iniziare a fare sul serio.

Abbiamo selezionato alcune alternative con step di prezzo leggermente differenti. Quella più economica è l’FR-X800, un proiettore LED da 4000 ANSI Lumen e risoluzione Full HD nativa. La massima distanza di proiezione sale rispetto al Wimius fino a 7,5 metri per una diagonale schermo di 200”. Il prezzo sale anch’esso, arrivando a 400 euro.

Parlando invece di produttori più noti in campo di proiettori abbiamo due alternative molto simili in termini sia di prestazioni che di prezzo. L’Optoma HD27 da 520 euro, anch’esso Full HD, con una luminosità pari a quella del WImius T4, ovvero 3200 ANSI Lumen ed un contrasto dinamico di ben 25000:1. L’altro modello interessante da valutare è il BenQ TH530, simile per luminosità e risoluzione, è leggermente più rumoroso ed ha un contrasto meno elevato di 10.000:1. Quello che guadagna però è la possibilità di vedere anche film in 3d. Il prezzo è leggermente più caro, circa 590 euro al momento in cui scriviamo. Entrambi l’Optoma e il BenQ tendono a scaldare abbastanza per via della tipologia di lampade utilizzate, le alogene che ne aumentano anche il consumo e sono contraddistinte da una minore vita utile. Detto questo, sono prodotti comunque di un altro livello. Salire ulteriormente vuol dire fare un salto di diverse centinaia di euro per parlare di prodotti assolutamente di altissimo calibro.

Specifiche

Riportiamo qui di seguito alcune delle specifiche principali del Wimius T4, per ulteriori informazioni è possibile visitare la pagina del produttore:

  • Risoluzione: 1280 x 800 px
  • Massima risoluzione in ingresso supportata: 1920 x 1080 px
  • Dimensione immagine proiettata: 60” – 150”
  • Distanza di proiezione: da 2,5 a 4 m
  • Lampada: LED 3200 ANSI Lumen
  • Contrasto: 2000:1
  • Keystone: +/- 15°
  • Modalità di proiezione: frontale / posteriore / a soffitto
  • Dimensioni: 30,2 x 22,1 x 10,4 cm
  • Peso: 2,2 kg
I tag più seguiti